Quando una canzone vale più di 1000 parole – U piscispada tinturia

La canzone è stata reinterpretata dai Tinturia,l’originale è di Domenico Modugno Dai e dai lu vitti tira la fiocina dai e lu vitti afferralu pigghialu ahh… iu pigghiari ‘a la fimminedda drittu drittu ‘ntra lu cori e chiancìa di duluri ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi e la varca la strascinava e di sangu ni curria e lu masculu chiancìa ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi e lu masculu parìa ‘mpazzutu mi dicia bedda mia nun chiancìri bedda mia nun chiancìri Rispunnia la fimminedda ccu nnu filu e filu ‘i vuci “scappa scappa amuri miu ‘ca sinò t’accidunu… “No no no no no amuri miu si tu mori vogghiu murìri ‘nzemi a tia si tu mori vogghiu murìri ‘nzemi a tia” …. Ccu nu saltu iu a finiri ‘ncucchiu ‘ncucchiu cori a cori e accussì finìu l’amuri di du’ pisci sfurtunati…. Dai e dai atterralu pigghialu Acchiappalu tiralu dai e afferralu acchiappalu Atterralu pigghialu acchiappalu afferralu tiralu ahhh… Chist’è ‘na storia storia d’amuri. U piscispada Tinturia

se vi serve aiuto con la traduzione scrivetemi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...