La mattanza

Russu comu lu sangu
si tinci lu blu
di stu mari ‘ncantatu
quannu lu Ràis
duna li cumanni,
ora vuciannu
ora friscannu
li tunnaroti tirano
e tiranu forti li riti
e li vrazza pari chi s’avissiru a scippari,
ma lu tunnu
oramai è pirdutu
fà scarmazzu
fà opira e tiatru
mentri ‘ncapu la varca
veni tiratu.
La carma s’impatrunisci
di lu so mari
e tutti
ora ponnu turnari
a lu portu,
a fistiggiari
chiddu chi lu Signuri
ci vosi dunari.


(traduzione)

Rosso come il sangue
si tinge il blu
di questo mare incantato
quando il Ràis
dà gli ordini,
ora gridando
ora fischiando
i tonnaroti tirano
e tirano forte
le reti
e le braccia sembrano staccarsi
ma il tonno
ormai è perduto
fa schiamazzo
fa scena (opira e tiatru letteralmente opera e teatro non di facile traduzione NdA)
mentre sulla barca
viene issato.
La calma s’impadronisce
del suo mare
e tutti
ora possono tornare
al porto,
a festeggiare
quello che il Signore
gli ha voluto donare.

 

 

grazie a cucublog per il suo articolo che è stato fonte di ispirazione.

Annunci

7 thoughts on “La mattanza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...